Capita molto spesso che durante la stagione estiva ci si organizzi per far trascorrere ai nostri bambini un pomeriggio fuori, al parco, in bicicletta, con il pallone, da soli o con i loro amichetti. Ed è una cosa bellissima, perché i bambini hanno bisogno di natura e di stare e giocare all’aperto per quanto più tempo è possibile. Soprattutto di questi tempi, dove a regnare è il gioco digitale, con tablet, smartphone e computer, sempre e comunque. 

Ma vi ricordate come si giocava una volta? Vi ricordate i giochi all’aperto che si facevano prima? Vi ricordate “Un, due, tre… stella!” “i quattro cantoni”, il gioco della campana o “Acqua, fuoco e fuocherello”? 

Ecco, allora torniamo per un attimo nel passato e riscopriamo insieme alcuni dei giochi (di movimento) con cui i bambini possono cimentarsi quando sono all’aria aperta, magari in giardino durante una festa di compleanno, in spiaggia durante le vacanze o in un grande prato in montagna! 

CACCIA AL TESORO

caccia-tesoro-bambini-prove

Un grande classico che piace sempre. Nascondete il tesoro (regalini e un bigliettino per il festeggiato, per esempio) in giardino o in un luogo vicino. I bambini devono scovare il nascondiglio superando una catena di prove che possono consistere per esempio nell’imitare un animale, nel ripetere velocemente alcune parole, nel raccontare una barzelletta o cantare una canzone. Le istruzioni possono essere date da chi dirige il gioco o possono essere scritte su un biglietto nascosto. Una volta superata la prova, ai bambini viene svelato il percorso che li conduce alla prossima prova. E si continua così fino a che non si arriva al luogo dove è nascosta la cassa del tesoro!

Strumenti necessari: cassa del tesoro o scatola, piccoli premi. Farina, pezzetti di carta, frecce o gessi per segnare il percorso, mappa del tesoro.

MOSCA CIECA

mosca-cieca_NG1

Tipico gioco di intrattenimento adatto agli spazi ampi: chi “conta” viene bendato con un semplice fazzoletto (o striscia di stoffa) e fatto ruotare su se stesso fino a perdere l’orientamento. Quindi gli altri giocatori gli gireranno intorno, cercando di non farsi prendere. Quando uno dei giocatori viene afferrato dalla “mosca”, questa dovrà identificarlo, riconoscendo la sua faccia al tatto o facendogli qualche domanda.

Strumenti necessari: fazzoletto

I QUATTRO CANTONI

depositphotos_124964100-stock-photo-happy-kids-running-and-playing

Un gioco tradizionale e divertente perfetto da fare all’aria aperta o in uno spazio piuttosto ampio. Innanzitutto è necessario tracciare il campo da gioco composto da uno spazio quadrato o rettangolare piuttosto ampio e da 4 zone, i cantoni, poste agli angoli del campo da gioco.
Ogni bambino prende posto in un cantone, mentre il quinto giocatore si mette in mezzo al campo da gioco.

Lo scopo del gioco per i cantoni è di riuscire a scambiarsi di posto senza che il bambino senza cantone riesca a occupare uno dei posti liberi durante la fase di scambio.
Negli anni è stata creata anche la variante musicale: in questa versione, i bambini girano in tondo a suon di musica, a una certa distanza dai cantoni. Quando la musica si ferma, il bambino che non è riuscito a impossessarsi di un cantone dovrà mettersi al centro.

CORSA A OSTACOLI

Happy children enjoying in the nature, they are jumping and having fun. [url=http://www.istockphoto.com/search/lightbox/9786682][img]http://dl.dropbox.com/u/40117171/children5.jpg[/img][/url] [url=http://www.istockphoto.com/search/lightbox/9786738][img]http://dl.dropbox.com/u/40117171/group.jpg[/img][/url] [url=http://www.istockphoto.com/search/lightbox/9786750][img]http://dl.dropbox.com/u/40117171/summer.jpg[/img][/url]

Uno o più sassi su cui saltare, un tronco su cui camminare in equilibrio, un cespuglio o un albero da evitare sono tutti ostacoli di cui possiamo disporre facilmente in uno spazio aperto e che possono rendere una corsa a ostacoli divertente, oltre che bella impegnativa dal punto di vista fisico. Ma questo permetterà ai bambini di migliorare le proprie capacità motorie.

Naturalmente il percorso deve avere un punto di inizio e uno di fine e, prima di iniziare la gara vera e propria, tutti i bambini devono avere chiaro in mente il percorso da fare. A questo punto, mano al cronometro e via alla gara!

Se ci si dimentica di un ostacolo o si sbaglia l’ordine di esecuzione delle prove, il bambino deve tornare al punto di partenza e ricominciare la gara (sommando i tempi ottenuti). Vince chi completa il percorso correttamente nel minor tempo possibile. 

Strumenti necessari: quelli utili a creare un percorso a ostacoli (sassi, tronco, corde, ecc.)

GIOCO DEL DELFINO

bambini

Replicabile anche in uno spazio chiuso, utilizzando una palla di spugna.  I bambini si dispongono tutti in giro, liberamente. Un giocatore prende la palla e, lanciandola in aria, in verticale, urla il nome di un altro partecipante. Il bambino che è stato chiamato deve cercare di prendere la palla al volo, prima che quest’ultima tocchi terra.
Se riesce a prendere la palla al volo, il secondo giocatore può decidere di lanciarla immediatamente nuovamente in aria, urlando il nome di un altro bambino o gridare “stop!”
Al suono della parola “stop!”, gli altri giocatori devono immobilizzarsi immediatamente.
Il giocatore con la palla potrà fare allora un massimo di tre passi, gridare il nome di un partecipante che avrà scelto come “bersaglio” e lanciare la palla verso di lui.
Se riesce a prenderlo, il “bersaglio” è eliminato dal gioco. In caso contrario, è il lanciatore che deve ritirarsi.

Strumenti necessari: pallone

Consiglio: un tavolo o un cesto con dei premi per i vincitori dei giochi renderà la festa ancora più bella! Sono particolarmente indicati dolci, giochi di pazienza, palle di gomma, fumetti, gomme, temperini, album da disegno, pennarelli, calamite, bolle di sapone e tanto altro ancora.